A seguito dell’emergenza umanitaria verificatasi in Ucraina, il Teatro Verdi di Pordenone ha organizzato e promosso il prestigioso “Concerto per la Pace” con l’Orchestra del Teatro Comunale di Bologna diretta da Oksana Lyniv, tenutosi il 25 luglio 2022 nel Teatro cittadino, e attivato una raccolta fondi per mettere a disposizione dei giovani rifugiati ucraini delle opportunità di formazione culturale.

«Un gesto concreto dedicato all’Umanità così smarrita durante una guerra – questo l’intento sottolineato dal Presidente del Teatro Giovanni Lessio che prosegue – abbiamo voluto realizzare un grande progetto artistico ma anche un impegno fattivo, in sinergia con Croce Rossa italiana Comitato di Pordenone e Regionale Friuli Venezia Giulia, per dare un aiuto concreto ai giovani che stanno patendo sulla loro vita e sul loro futuro le conseguenze di questa assurda e spietata guerra».  

La Croce Rossa Italiana Comitato di Pordenone, attraverso il suo Presidente Giovanni Antonaglia sottolinea l’adesione al progetto – insieme al Comitato Regionale del Friuli Venezia Giulia e con il patrocinio del Vice Presidente CRI Nazionale Rosario Valastro – con l’obiettivo di diffondere e gestire le opportunità concrete supportate dalle borse di studio: «La Croce Rossa pone al centro delle proprie attenzioni le persone e in particolare le persone più vulnerabili e maggiormente in difficoltà. Questo progetto vuole essere un importante segnale di sviluppo e di crescita per i giovani Ucraini che a causa del conflitto in atto, vedono le loro aspettative di crescita culturale e/o artistica diventare ancora più difficoltose. Con questo progetto la Croce Rossa vuole rafforzare ancor di più il proprio impegno umanitario. Un altro importante motivo, e qui credo di condividere un valore comune a tutti, ovvero quello che la cultura oltre a essere un motore di crescita è un potente conduttore di cambiamento e di sviluppo dignitoso per le persone e le comunità. L’impegno della nostra associazione sarà quindi teso a costruire con il Teatro Verdi concrete e significative occasioni formative rivolte ai giovani ucraini. Per CRI Pordenone questa è una innovativa e magnifica opportunità».

Si unisce al plauso per l’iniziativa Rosario Valastro, il Vice Presidente Nazionale di Croce Rossa Italiana «Oltre alla gratitudine per l’obiettivo raggiunto, mi complimento per quanto organizzato, e per l’apporto che il Teatro Verdi ha dato in termini di cultura, collaborazione, ed umanità».

Si ringraziano tutte le persone che hanno donato attraverso la raccolta fondi del Teatro Verdi Pordenone, alla quale hanno collaborato Cinemazero, Pordenonelegge e SPK Teatro.

Le donazioni hanno raggiunto quota 8.000 Euro, che verranno ripartiti in borse di studio a favore di giovani, bambini e ragazzi ucraini/e rifugiati domiciliati in Italia.

Due le fasce d’età individuate:

  1. Dai 6 ai 18 anni per il sostegno di percorsi culturali (es. iscrizioni a corsi di scuole di musica o danza o teatro o in generale di attività culturale) per un importo complessivo di € 3.000
  2. Dai 18 ai 26 anni con due borse di studio del valore di € 2.500 per il sostegno di percorsi artistico-culturali.

I candidati potranno ottenere quindi un concreto supporto a percorsi formativi o approfondimento presso Enti o Istituzioni Italiane accreditate nella formazione in materie musicali, tersicoree, teatrali e in generale in ambito artistico-culturale. 

Le candidature potranno essere inviate fino al 31 gennaio 2023 in relazione alle indicazione evidenziate dai due bandi qui allegati.

La commissione incaricata di valutare le candidature, composta da tre esperti nel settore artistico-culturale, sarà nominata da Croce Rossa Italiana Comitato di Pordenone al termine della raccolta delle candidature. I componenti della Commissione saranno resi noti dopo la scadenza del termine della presentazione delle domande mediante affissione alla bacheca del sito nostro sito.

Per informazioni e approfondimenti scrivere a: borsestudio@cripordenone.it